Ormai i pregiudizi sulla technomusic sono quasi tutto caduti e ormai è okay sia strimpellare che spippolare.
Ai pochi criticoni rimasti là fuori si potrebbe tuttavia segnalare che anche Paul McCartney (i Beatles, la rock music, yoko ono, eccetera) ha subito l’indiscutibile fascino della musica elettronica, come testimoniato da questo estratto tutto pazzo dell’album McCartney II (1980).
Madò, altro che Maharishi